Attività e giochi Montessori: quali sono le loro caratteristiche?

giochi montessori

La famosa pedagoga ed educatrice Maria Montessori è stata una grande sostenitrice del gioco per i più piccoli. Essa, infatti, riteneva che «il gioco è il lavoro del bambino» e, in quanto tale, egli deve dedicarsi a questa attività in totale autonomia e piacere, per imparare a conoscersi, a scoprire il mondo e acquisire nuove abilità. Perché, però, Maria Montessori riteneva il gioco così fondamentale per i bambini e quali sono le caratteristiche delle attività e dei giochi Montessori? Scopriamolo insieme.

Giochi Montessori: il modo migliore per imparare divertendosi

Il metodo Montessori si basa interamente sulla libertà e l’autonomia del bambino. Secondo questo metodo educativo, infatti, i bambini devono essere guidati alla crescita ma lasciati liberi di dedicarsi alle attività che più preferiscono svolgere, così da poter crescere in autonomia. Il requisito della libertà di agire, infatti, è fondamentale nel metodo Montessori, in quanto solo se liberi i bambini avranno piacere di dedicarsi a sessioni di gioco educative, divertenti e, soprattutto stimolanti. Per questo, esistono diverse attività e giochi Montessori perfetti per adempiere a questo scopo. Vediamo, nel dettaglio, quali sono i migliori giochi educativi Montessori da proporre ai propri figli.

Giochi Montessori: per divertirsi e conoscersi attraverso il tatto e la vista

Lo scopo di ogni gioco Montessori è quello di insegnare a ogni bambino nuove competenze e abilità, nonché aiutarli a conoscere se stessi e il mondo. Per questo, uno dei requisiti fondamentali dei giochi Montessori è proprio quello di coinvolgere i più piccoli attraverso l’utilizzo dei sensi. Il coinvolgimento di questi ultimi durante le sessioni di gioco, infatti, permette ai più piccoli di scoprire e sperimentare, affinando le loro capacità cognitive e intellettive. Dunque, ne consegue che i materiali impiegati per la costruzione dei giochi educativi Montessori siano fondamentali. Infatti, ognuno di essi è realizzato in materiali naturali – come per esempio il legno e il cartone – con numerose superfici in rilievo, così da stimolare i bambini a destreggiarsi con la motricità fine. Questi giocattoli, infatti, stimolano non solo le abilità dei più piccoli ma anche la fantasia, poiché danno loro libero margine di utilizzo.

Attività e giochi Montessori: quali sono quelli migliori?

Le attività e i giochi Montessori migliori, quindi, sono quelli che stimolano il bambino lasciandolo libero di divertirsi come più preferisce. Tra i giochi Montessori migliori da fare anche in compagnia vi sono certamente i travasi in barattoli, sia di oggetti che di cartoncini colorati, particolarmente indicati per i bambini piccoli che devono imparare a destreggiarsi con gli oggetti e ad affinare la motricità fine. Per i bambini dai 3 ai 6 anni, invece, sono particolarmente indicati i giochi Montessori per scoprire il mondo, come per esempio le carte tematiche che riguardano l’ambiente e il mondo degli animali, così da confrontarsi anche con il mondo che li circonda. Infatti, è proprio a questa età che i bambini cominciano ad avere una chiara percezione di sé e del mondo esterno e, di conseguenza, sono più propensi ad imparare a conoscere l’ambiente.

Le caratteristiche dei giochi Montessori sono ben precise e semplici da ricordare. Il requisito alla base di questi giocattoli è sicuramente il margine di libertà che viene fornito ai bambini, così che possano imparare a conoscere se stessi e il mondo divertendosi.